Usò entrambe le mani. Le fece correre su uno scaffale dopo l'altro. E scoppiò a ridere. [...] passò vari minuti ad andare con lo sguardo dagli scaffali alle proprie dita. Quanti libri aveva toccato? Quanti ne aveva sentiti? [...] Era come una magia, come la bellezza. {M.Z.}

Selezionati da me:

sabato 24 maggio 2014

I diritti imprescrittibili del lettore (analisi)

Una mia analisi su
I DIRITTI IMPRESCRITTIBILI DEL LETTORE
di Daniel Pennac

1. IL DIRITTO DI NON LEGGERE
Un lettore che non legge? Ebbene sì. 
Secondo me la lettura deve essere un piacere. Dovremmo leggere solo quando ne sentiamo bisogno -per un motivo positivo o anche per uno negativo- e di conseguenza ogni lettore si ritrova ad affrontare momenti in cui, invece, non ha voglia di leggere. E non si dovrebbe vergognare o sentire in colpa per questo, anche se il periodo di non lettura si protrae a lungo. Si sa che i libri ci aspettano sempre :)

2. IL DIRITTO DI SALTARE LE PAGINE

Sono una fiera sostenitrice di questo diritto, poichè lo faccio spesso.
Lo ammetto: se ad un certo punto mi accorgo che, nel romanzo che sto leggendo, per un paio di pagine ci sarà una descrizione noiosa, le salto senza problemi. Non credo proprio che questo mi renda una cattiva lettrice. Anzi credo che davvero sia diritto di ogni lettore leggere solo ciò di cui ha voglia, e se in un romanzo che sto leggendo ci sono delle pagine che non ho voglia di leggere, non le leggo. Per l'appunto, leggere è un diritto, non un dovere.

3. IL DIRITTO DI NON FINIRE UN LIBRO

Le motivazioni per cui questo diritto mi piace sono simili, ovviamente, a quelle dei due diritti precedenti. Se comincio a leggere un romanzo e scopro che non mi piace, piuttosto che perdere tempo prezioso leggendo qualcosa che non rientra nei miei gusti, lo metto da parte per cominciarne uno nuovo.

4. IL DIRITTO DI RILEGGERE

Questo è sicuramente il mio diritto preferito. Lo ammetto: rileggere mi piace ancor più che leggere. Almeno la metà dei romanzi presenti nella mia libreria sono stati riletti più di una volta. Alcuni addirittura più di dieci volte.
Penserete che sono pazza, e forse avete ragione, ma non posso farci nulla. La rilettura per me è preziosa. E' come tornare a casa.

5. IL DIRITTO DI LEGGERE QUALSIASI COSA

Questo è un diritto che non condivido in pieno.
Secondo me esistono letture in grado di far del male, addirittura nocive per la mentalità di chi legge, che poi inevitabilmente si fa condizionare, almeno un po'.
Non è la regola, ma a volte succede. Ho letto di ragazzine, pseudo-innamorate di personaggi del nuovo genere new adult, che dicevano di volere disperatamente un ragazzo che le tratti male, per poter provare a salvarlo dal brutto caratteraccio che ha. Dunque io mi riserverei il diritto di dire a queste ragazzine "questo libro non dovete leggerlo". Perchè poi vengono loro in testa queste strane idee. 
Quindi, secondo me, ogni lettore ha il diritto di leggere qualsiasi cosa a patto che non sia una lettura nociva per lui. In caso dovesse rivelarsi così, bisognerebbe avere il diritto di dire a questa persona di non leggere qualsiasi cosa.

6. IL DIRITTO AL BOVARISMO

(Clicca qui per la definizione di "bovarismo")
In sostanza, per come la vedo io, il diritto al bovarismo è il diritto al perdersi sognanti tra le pagine di un libro, proprio come faceva la cara Emma Bovary. 
E questa, di certo, non è una cosa che si possa negare a un lettore.

7. IL DIRITTO DI LEGGERE OVUNQUE

Anche qui non sono d'accordo al 100%. Si può avere il diritto di leggere ovunque finchè la cosa non dà fastidio o non offende nessuno. Se mi trovo ad un evento, ad esempio un matrimonio, cominciare a leggere (dando dimostrazione di non divertirmi alla festa) potrebbe offendere gli sposi.
Per il resto, che si tratti di camera mia, di un autobus, di un treno, di una panchina del parco o della spiaggia, credo che nessuno possa toglierci il diritto di leggere dove più ci piace.

8. IL DIRITTO DI SPIZZICARE

Anche questo diritto mi piace moltissimo. 
Spesso mi viene voglia di rileggere qualche passo di un libro che ho amato, e allora lo tiro giù dalla libreria e ne spizzico qualche capitolo.
Oppure, se sono indecisa sull'acquisto di un nuovo romanzo, a volte ne leggo un po' di pagine in libreria. Spizzicando mi rendo conto se può piacermi oppure no.
Addirittura, quando comincio un nuovo libro vado a spizzicare tra le ultime pagine. Amo gli spoiler, e non ci vedo niente di male!

9. IL DIRITTO DI LEGGERE A VOCE ALTA

Non è una cosa che amo fare, e anche qui ritengo che sia diritto di un lettore leggere a voce alta finchè non infastidisce nessuno. Dunque, non si dovrebbe fare nei luoghi pubblici. Ma in privato non vedo proprio perchè qualcuno non dovrebbe leggere come gli pare!

10. IL DIRITTO DI TACERE

Quando abbiamo concluso, o non concluso, un romanzo, dovremmo tutti avere il diritto di tacere, ossia di tenere per noi le nostre opinioni e sensazioni. Abbiamo tutti il diritto di non raccontare le emozioni che quella storia ci ha lasciato. Secondo me la lettura è, per prima cosa, un atto intimo. Quello che accade mentre leggiamo lo sappiamo davvero soltanto noi stessi.


Vi ho dato i miei pareri sui diritti che secondo Pennac devono avere tutti i lettori! Ora datemi i vostri! ^_^




giovedì 22 maggio 2014

I libri non sono fragili!

I LIBRI NON SONO FRAGILI!
NON DEVONO ESSERE MALTRATTATI, MA NEPPURE
DEVONO ESSERE TRATTATI COME SE FOSSERO DI CRISTALLO.
Questo articolo nasce in seguito ad "accuse" che ho letto, rivolte da lettori ad altri lettori. Cose allucinanti! 

Con tutta sincerità, non capisco quelle persone che, di fronte ad una pagina con l'angolo piegato, inorridiscono. 
Non capisco quelle persone che, se un libro ha una macchiolina di cioccolato, svengono.
I libri -i libri veri, non i kindle e simili- non sono fatti di cristallo. Non sono fragili. Sono di carta, resistenti, e vanno vissuti. Soprattutto questo.

I libri vanno vissuti.


Quando vedo un libro tenuto sotto una cupola di vetro, mi intristisco.

Quando ne vedo uno spiegazzato, mi rallegro.

Un libro non si offende se piegate un angolino della sua pagina, se macchiate la copertina con la cioccolata, se mentre lo posate in libreria vi cade per terra, se per sbaglio ne strappate una pagina e la riattaccate con il nastro adesivo.

Un libro si offende se non lo leggete!

Poi, certo, ognuno fa come vuole. Se preferite non sporcarli, non spiegazzarli e conservarli come se fossero appena usciti dalla libreria, non c'è alcun problema. Ognuno fa quello che vuole.

Ma mi infastidisce molto quando chi preferisce trattarli coi guanti bianchi inorridisce e a volte insulta persino chi invece i libri li vive, portandoli con sè ovunque ed esponendoli inevitabilmente a "pericoli" che possono rovinarli.

Non sto assolutamente dicendo che adesso dovremmo tutti trattare i libri come carta straccia.

Anzi! I libri vanno rispettati. Le pagine non vanno strappate di proposito, o macchiate di proposito. 
Ma se mentre leggo, se mentre vivo la mia lettura, succede, non per questo non sono una brava lettrice. Se non ho un segnalibro sottomano e piego l'angolo della pagina, sono una brava lettrice tanto quanto chi prende in mano i romanzi come se fossero fatti di vetro.

Ecco un appello, da brava lettrice-piega-pagine, rivolto ai bravi lettori-di-vetro: datevi una calmata.



Recensione: "Il diario di Bridget Jones" di H. Fielding



.Il diario di Bridget Jones.
di Helen Fielding

Titolo: Il diario di Bridget Jones
Autore: Helen Fielding
Editore: Sonzogno
Prezzo di copertina (rigida): 10,28 € (prezzo principale ancora in lire)

Voto:sconsigliato

domenica 18 maggio 2014

Roma, Notte dei Musei 2014: considerazioni.

ROMA
NOTTE DEI MUSEI 2014
CONSIDERAZIONI

Ieri sera, la famosa Notte dei Musei 2014, io ed una mia amica avevamo deciso di approfittare dell'evento per visitare qualche museo.
Morale della favola: non siamo riuscite a visitarne neppure uno.
Per cominciare le mie considerazioni, vorrei far notare che la maggior parte dei musei aveva l'ultimo ingresso alle 23:00, e solo pochi avevano l'ultimo ingresso all'1:00. 
Che Notte dei Musei è? Non pretendo che stiano aperti fino alle 6:00 del mattino, ma una Notte dei Musei con ultimo ingresso alle 23:00 dovrebbero chiamarla Serata dei Musei, volendo proprio esagerare.
A parte questo, vi racconto come mai non sono riuscita a visitare neppure un museo.
Come prima tappa, ci sarebbe piaciuto visitare la Galleria Nazionale d'Arte Moderna.
Qui a Roma c'è un tram che porta proprio davanti l'ingresso della Galleria, ma quando ieri siamo arrivate alla fermata, abbiamo visto che avevano deviato il percorso di tutti i tram, e che nessuno di essi portava alla Galleria, proprio quella sera.
Ed io ora mi chiedo: è normale che durante la Notte dei Musei un tram che di norma conduce ad uno dei musei più importanti della città venga deviato? E' normale che invece di facilitare l'accesso alla Galleria, decidano di ostacolarlo?
Da lì avremmo potuto prendere altri mezzi, facendo però un giro assurdo che ci avrebbe portato via talmente tanto tempo da rischiare di non arrivare in tempo per entrare (dato l'ultimo ingresso alle 23:00, che continuo a considerare un orario ridicolo). 
Allora abbiamo deciso di cambiare programmi e "ripiegare" sul Complesso del Vittoriano, dove c'era una mostra con i capolavori dal Musèe d'Orsay. 
Siamo arrivate molto prima dell'orario dell'ultimo ingresso (1:00) e abbiamo trovato una fila lunghissima.


Nonostante la lunga fila, non ci siamo scoraggiate, perchè all'ultimo ingresso mancava davvero molto e comunque anche dietro di noi la fila continuava a formarsi.
Noi, ovviamente, non conoscevamo (e non potevamo conoscere) le tempistiche. Come fanno le persone che cominciano a fare la fila quasi due ore prima dell'ultimo ingresso a sapere che non riusciranno ad entrare? 
E se i visitatori non possono saperlo, i responsabili del museo dovrebbero saperlo eccome. Non è di certo la prima volta che il Complesso del Vittoriano si ritrova a partecipare alla Notte dei Musei, e non è di certo la prima volta che si ritrova con una lunga fila di visitatori davanti la porta.
Intelligenza vorrebbe che, quando i responsabili del museo si rendono conto che la fila è diventata troppo lunga e che i prossimi ad arrivare potrebbero non entrare, la fila venga bloccata con un bel cartello che informa la chiusura della stessa. Di modo che chi è già in fila possa entrare a vedere la mostra, e che nessun altro cominci a farla inutilmente.
A quanto pare questo tipo di intelligenza (riscontrabile persino nei parchi a tema) non è ancora giunta ai responsabili della mostra di ieri sera.
Il risultato è stato che, all'1:00 in punto, persone che erano in fila da circa un'ora e mezza si sono viste chiudere la porta in faccia.
Solo poco prima era stato mandato qualcuno a dire (a persone già in fila da molto tempo) che il loro ingresso non era garantito.
Ora io mi domando, al termine di queste considerazioni, se è questo il modo di incoraggiare la cultura. Se il modo di incoraggiarla è ostacolando la possibilità di raggiungere i musei. Se il modo di incoraggiarla è chiudere le porte in faccia ai visitatori che aspettano da ore.



mercoledì 14 maggio 2014

I miei libri preferiti, dalle mie saghe preferite


.I MIEI LIBRI PREFERITI.
.DELLE MIE SERIE PREFERITE.

Sono una persona che legge molte saghe, trilogie e serie, e si sa che, di solito, in ogni saga c'è un libro che abbiamo amato particolarmente, il nostro preferito.
Questo è un elenco delle saghe che porto nel cuore, ma soprattutto dei singoli libri che ho preferito per ognuna di esse!

.Harry Potter.

-Harry Potter e il Principe Mezzosangue-
La mia saga preferita per eccellenza, quella che mi ha fatto diventare una lettrice compulsiva. Parlando del mio preferito, si tratta del volume n°6. Credo di preferirlo perchè finalmente la vita di Harry, sentimentalmente parlando, inizia a muoversi nella direzione che io speravo prendesse (sì, ok, in fondo sono una romanticona).



.Hunger Games.

-Il canto della rivolta-
L'ultimo libro della trilogia. E' diventato il mio preferito perchè ho adorato il finale. E' davvero uno dei finali più belli che io abbia mai letto. Non ci sono parole per dire quanto mi abbia sconvolto ed emozionato.

.


.Saga di Kushiel.

-Il dardo e la rosa-
Il primo libro di una saga che amo alla follia. Ho scelto il primo perchè è il volume che rappresenta il principio, che spiega come tutto ha inizio, il volume in cui impariamo a conoscere una delle più grandi eroine della letteratura: Phèdre nò Delauney de Montrève.

.


.Il cimitero dei libri dimenticati.

-Il prigioniero del cielo-
Il terzo volume. Lo preferisco perchè è quello in cui si approfondisce di più la vita di uno dei miei personaggi preferiti, Fermìn Romero de Torres, e si scoprono alcuni retroscena sulla storia di David e Isabella, la storia narrata nel secondo volume, che anche ho amato molto.

.


.Queste oscure materie.

-Il cannocchiale d'ambra-
Si tratta dell'ultimo volume. E' il mio preferito perchè è quello che mi ha trasmesso più emozioni, soprattutto il triste (almeno per me) finale. Devo ammettere che, dopo tutte le vicende narrate in precedenza, sono stata quasi traumatizzata dalla fine della storia. Ma in senso buono, naturalmente.

.

.Il mondo d'Inchiostro.
-Cuore d'inchiostro-
Il primo volume della trilogia. Tanto amore per questa trilogia! Il primo è il mio preferito perchè è quello in cui il messaggio dell'amore per i libri e per la lettura è più forte. Ogni appassionato lettore dovrebbe leggerlo almeno una volta!

.


.Saga de La corporazione dei maghi.

-Il segreto dei maghi-
Terzo volume.  La battaglia decisiva, l'amore, il sacrificio. Anche in questo caso l'ho scelto perchè è stato quello che mi ha trasmesso più emozioni. Spesso ne rileggo qualche passo, non posso proprio farne a meno!

.


.Cronache del Mondo Emerso.

-Nihal della Terra del Vento-
Il primo volume, quando tutto è nato. Mi piace perchè parla di come è nata l'amicizia tra Nihal e Sennar, che è davvero speciale. E soprattutto di come Nihal prende in mano la sua vita, cosa che tutte le donne dovrebbero fare. 

.


.Guerre del Mondo Emerso.

-Un nuovo regno-
E' il capitolo finale della trilogia e mi è piaciuto più degli altri due per il forte cambiamento che avviene nella protagonista, Dubhe. E' l'eroina di Licia Troisi che ho preferito.

.


.La ragazza drago.

-L'ultima battaglia-
Si tratta del capitolo finale di una serie di cinque libri. E' il più lungo ed il più intenso, e devo ammettere che mi piace molto proprio per questi due motivi. Mi piacciono i romanzi lunghi e che trasmettono tante emozioni.

.


.Fairy Oak.

-Addio Fairy Oak-
Il capitolo finale di una delle saghe per ragazzi più belle che io abbia mai letto. In questo volume approfondiamo tutte le vicende, veniamo a conoscenza di fatti mai narrati, la storia prende risvolti inaspettati, misteri vengono svelati. Di sicuro il più bello.

.


.Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo.

-Il ladro di fulmini-
Amo particolarmente questa saga perchè mi fa sempre morire dal ridere, a cominciare dai titoli dei capitoli (li adoro troppo, davvero). Di conseguenza, il mio volume preferito è quello che più di tutti mi ha divertita: il primo.

.


.La trilogia delle Gemme.

-Green-
Questa trilogia mi è davvero rimasta nel cuore, con la sua semplicità. E' divertente, appassionante, e nonostante sia fantasy, è realistica, con personaggi fantastici. Il terzo volume è il mio preferito perchè è quello con più azione.

.



.Le Cronache di Narnia.

-Il viaggio del veliero-
Cosa si può dire su Narnia? Una saga fantastica, che fa sognare. Non saprei dire perchè questo è il mio volume preferito. So solo che è quello che rileggo più volentieri, mi attrae e mi emoziona di più.

.


.La Spada della Verità.

-La profezia della luna rossa/Il tempio dei venti-
Una saga fantasy/medievale che ho scoperto da poco e che già amo alla follia. L'autore è un vero Maestro e i personaggi sono indimenticabili. Ho letto solo i primi quattro volumi e il mio preferito è proprio il quarto, ricco di emozioni e in cui viene approfondito uno dei miei personaggi preferiti: Cara.

.


.I love shopping.

-I love shopping in bianco-
Una serie di romanzi chick lit esilaranti. Il terzo è il mio preferito perchè ho passato tutto il tempo durante la lettura a urlare verso le pagine: "Becky!! Cosa diamine stai facendo?!?! Aiutooo!!" ed ero in ansia io al posto della protagonista!

.


-La quadrilogia di Ember.

-La città di Ember-
Serie sconosciutissima, che io ho conosciuto grazie al film (poco conosciuto anche quello). Quattro volumi, solo tre pubblicati in Italia. Il primo è il mio preferito perchè spesso l'inizio della storia è il migliore, ed è il caso anche di questa serie. 

.


-Il Cimitero dei Libri Dimenticati.
-Il prigioniero del cielo-
Terzo e ultimo uscito della serie (il quarto è in arrivo, si spera :P). Di Zafòn mi piacciono tutti i volumi, e anche di questa serie, ma parlando di personaggi ho adorato Fermìn e David, e questo è l'unico volume in cui ci sono entrambi. Come potrebbe non essere il mio preferito?! :P

.


-Ragazze Lupo.
-Ragazze lupo-
Per ora sono usciti solo due volumi, e li ho trovati entrambi bellissimi. Due Urban Fantasy ben scritti e per nulla scontati! Il primo è il mio preferito, ma non so neanche io il perchè xD

.


Quali sono i vostri libri preferiti dalle vostre saghe preferite? ^_^




martedì 13 maggio 2014

Rubrica: Le Copertine del Mese - Maggio 2014

Ogni mese pubblico le immagini di due copertine di romanzi che mi hanno colpito molto, perchè si sa che anche l'occhio vuole la sua parte ;) 
Ed è anche un modo per farvi conoscere libri nuovi :)


LCOPERTINE DMAGGIO 2014

"Il sentiero dei profumi" di C. Caboni
Suggerita dalla fan della pagina Elena Perini.
Devo dire che piace molto anche a me! Non ho letto il romanzo, quindi non posso dire se sia appropriata, ma di certo in libreria è una di quelle copertine che attirano l'attenzione e ti spingono a leggere la trama :)
.

"Gli ingredienti segreti dell'amore" di N. Barreau
Suggerita dalla fan della pagina Noemi Purpura.
Anche in questo caso non ho letto il libro, però anche in questo caso la copertina mi piace molto! Trovo che dia un senso di libertà :) 


Voi cosa ne pensate? Avete qualche copertina da suggerire per Giugno? :D

Cliccate qui per le copertine di Gennaio ^_^

Cliccate qui per le copertine di Febbraio :)
Cliccate qui per le copertine di Marzo :D
Cliccate qui per le copertine di Aprile ^_^



lunedì 12 maggio 2014

Prossima uscita: "I love shopping a Hollywood" di S. Kinsella


.NOVITA' IN LIBRERIA.
Dal 30 settembre in Italia!!

.I love shopping a Hollywood.
di Sophie Kinsella
Atteso seguito per la saga "I love shopping"!

Adoro tantissimo questa autrice e anche questa saga! Ho letto gli altri romanzi tutti d'un fiato e non ho dubbi che succederà lo stesso anche con questo! Ho scoperto, inoltre, che la saga continuerà ancora! Non posso non esserne felice *_*




Sinossi:
Becky Brandon (nata Bloomwood) ha le stelle negli occhi. Lei e sua figlia, Minnie, raggiungono il marito Luke a Los Angeles -città di frullati a base di erbe e dei ritiri yoga da milioni di dollari, e che è il ritrovo delle celebrità. Luke è lì per aiutare a gestire la carriera della famosa attrice Sage Seymour e Becky è convinta di essere destinata a diventare la personal stylist di Sage.
Red carpet, eccola che arriva! 
Ma le cose si complicano quando Becky si unisce al team del rivale di Sage senza dire nulla  a Luke. La sua ambizione ad Hollywood costerà troppo?

Grazie a Life is a Book



sabato 10 maggio 2014

Recensione: "Fermate gli sposi" di S. Kinsella



.Fermate gli sposi.
di Sophie Kinsella


Titolo: Fermate gli sposi
Autore: Sophie Kinsella
Editore: Mondadori
Prezzo di copertina (rigida): 17,00 €
Voto:bellissimo